Fare un orlo, riparare uno strappo o restringere un abito non è un’operazione semplice facendola con ago e filo. Spesso ci si deve rivolgere ad una sartoria per farlo fare spendendo non pochi soldi.

MACCHINA PER CUCIRE NECCHI N82

Allora la cosa migliore e poterlo fare con una macchina adatta alle proprie esigenze che consenta di farlo facilmente da soli, risparmiando tempo e denaro. Ce ne sono di molti tipi per esperti e meno esperti e per fare lavori anche più complessi, come quelli di una sarta.

È difficile trovare una definizione concisa e precisa di questo infinito universo che, in fondo, è molto personale. Si potrebbe dire che la moda è la novità, l’originalità e, a volte, anche una provocazione contro un ordine costituito.

Rompendo con la tradizione, per certi versi, si trasforma perfino in un indicatore importante della evoluzione della nostra società. Non per nulla, anche i nostri antenati nel periodo preistorico erano fashion.

MACCHINA PER CUCIRE NECCHI N82

In fin dei conti, è proprio in quel lontano periodo storico, che possiamo trovare i primi abbozzi di un concetto della moda tramite la quale si vanno a distinguere le classi superiori, l’identità e lo specchio della condizione sociale di appartenenza.

I progressi della tecnologia nel cucito

È fuor di dubbio Che la macchina sigilla, i cui migliori modelli oggi possono essere ammirati nella vasta scelta proposta dal miglior negozio, sia stata una delle figlie della moderna tecnologia che abbia permesso una forte evoluzione nella moda.

Nel tempo la macchina da cucito è molto cambiata nella tecnologia e non si usa più un pedale per far muovere il suo meccanismo. Ci sono oggi come oggi anche tanti utilissimi accessori che possono servire per lavori particolari – ad esempio per gli occhielli o per i ricami – e in base a questo cambiano sia le funzionalità sia il costo; quest’ultimo potrebbe oscillare da circa 100 Euro fino a modelli da migliaia di Euro. Ci sono modelli in materiale leggero comodi da portare in vacanza o per seguire corsi di cucito o quando si va ad una sfilata di moda.

MACCHINA PER CUCIRE NECCHI N85

Uno strumento utilissimo in ogni casa

Grazie alla sua semplicità d’uso e agli accessori, una macchina che si usa per il cucito non dovrebbe mancare in ogni casa. Si potrebbero con essa non solo riparare vestiti, fare orli, restringere degli abiti, ma anche fare lavori creativi come quilt e pupazzi per i bimbi.

Per prenderci confidenza basta veramente un minimo di pratica e poi tutto proseguirà fluidamente entusiasmando chi la usa. Presto rocchetti, filo da usare, impostazioni ecc. diventeranno un gioco da ragazzi e non si avrà più dubbi su come utilizzare ogni singolo componente.

Chi l’ha inventata?

Il poter cucire in maniera meccanica era una idea che già un secolo prima dell’apparizione dei suoi primi modelli, era già presente. Quanto a chi ha inventato la macchina da cucire da Sewshop in primo luogo ci sono storie e pareri controversi.

Pur tuttavia, seppure sia una storia complessa, vi sono due precise date che segnano questa vicenda dai toni chiaroscuro. La prima data è il 24 luglio del 1755 che vede protagonista Charles Fredrick Wiesenthal, nato in Germania ma in Inghilterra al momento del suo brevetto.

La seconda data è il 17 luglio del 1790, giorno, mese e anno nel quale l’anglosassone Thomas Saint ne brevettò un altro modello. Successivamente, troviamo il brevetto del 1830 di Barthélemy Thimonnier e nel 1842 quello depositato da John J. Greenough. Pur di nascita europea, tuttavia la sua massiccia diffusione avvenne in America.

Secolo decimonono: l’era Singer

Nel suo continuo processo di perfezionamento, vi è una figura che ha dato il via ad una sua visione molto moderna. Quest’uomo fu il tedesco-americano Isaac Merrit Singer.

Il 12 agosto del 1851 brevettò la sua macchina e nel 1854 fondò la società che è passata, poi, alla storia. Con sede negli Stati Uniti in Tennessee a La Vergne, la Singer Corporation è, ancora oggi, uno dei più noti e celebri brand.

MACCHINA PER CUCIRE

Come scegliere il modello giusto?

Vi sono molti marchi e infiniti modelli di macchine che ci aiutano a cucire, oltre che una gamma di prezzi davvero varia. Quindi, per iniziare a confrontare le varie offerte esistenti la prima cosa che si deve fare è quella di capire le proprie esigenze.

Di base, attualmente in commercio, vi sono due tipologie, ovvero quella meccanica e quella elettronica. La principale differenza esistente tra queste due tipologie è la gestione diversa nello scegliere la tipologia di cucitura.

In altri termini, quella elettronica opera tramite una scheda, mentre quella meccanica prevede l’utilizzo di dispositivi meccanici.

In conclusione, entrambe le tipologie assicurano una realizzazione di assoluta qualità e si rivelano fondamentali per ottenere dei risultati finali veramente ottimi. Quello che è certo è che il primo fondamentale passo sarà l’individuare il modello più appropriato per noi e, quindi, lanciarci nel mondo della sartoria solo per noi e la nostra famiglia e perché no, farne una piacevole attività extra o lavorativa in toto.

You may also like

Pin It on Pinterest

Share This
Consigli per cucire Oggi tutti possono diventare degli ottimi sarti