L’ago è la parte forse più piccola e meno preziosa di una macchina da cucire per quanto riguarda il valore economico, ma è lo strumento indispensabile per il funzionamento della stessa. Una sorta di cuore senza il quale nemmeno il resto della macchina avrebbe senso! Tuttavia gli aghi non sono tutti uguali e si differenziano principalmente per la funzione d’uso, che ne caratterizza anche la forma.

Il loro costo è piuttosto irrisorio (si aggirano in media sui pochi euro alla confezione), ma scegliere quello giusto è indispensabile per la riuscita del lavoro finale. Vediamo quindi in questa breve carrellata quali sono gli aghi più diffusi e per quale tipo di lavorazione vengono utilizzati.

AGO GEMELLO SCHMETZ 2,5/80 PER MACCHINE DA CUCIRE

AGO GEMELLO SCHMETZ 2,5/80 PER MACCHINE DA CUCIRE

Gli aghi per le macchine da cucire: tipologie e funzioni

Partiamo dall’ago più comune, cioè quello universale. Deve il suo nome al fatto di poter essere utilizzato per tutte le cuciture più diffuse. Attenzione però: questo tipo di ago non è concepito per un uso specifico e non è quindi adatto ad essere utilizzato su materiali particolari come jeans, pellami o tessuti molto sottili. La sua punta è leggermente smussata e la superficie è molto liscia in modo da consentirgli di penetrare agevolmente nel tessuto. Solitamente questo tipo di ago è fornito con la macchina da cucire. Soprattutto chi è alle prime armi nel mondo delle macchine da cucire, normalmente non necessita di sostituirlo con un’altra tipologia, proprio perché si addice alle cuciture più comuni.

AGHI SCHMETZ JERSEY PER MACCHINE DA CUCIRE

AGHI SCHMETZ JERSEY PER MACCHINE DA CUCIRE

Gli aghi “ball point”, indicati talvolta anche come jersey sono stati studiati appositamente per essere utilizzati con i tessuti stretch o a maglia. La punta dell’ago è piuttosto arrotondata proprio per non danneggiare o strappare il tessuto durante la cucitura. Infatti questo tipo di tessuto potrebbe essere danneggiato se si utilizzano macchine da cucire con aghi universali.

Per i tessuti strecht esistono inoltre aghi specifici caratterizzati proprio da questa denominazione. A seconda dello spessore dell’ago aumenterà anche l’arrotondamento della punta dell’ago.

AGHI SCHMETZ PELLE PER MACCHINE DA CUCIRE

AGHI SCHMETZ PELLE PER MACCHINE DA CUCIRE

I tessuti di spessore maggiore, come ad esempio il denim o jeans, necessitano invece di aghi pensati per forare con rapidità (e senza il rischio di inceppamenti o rotture) questo tipo di tessuto. Esistono in commercio aghi per macchine da cucire denominati appunto jeans, realizzati con un acciaio più rigido di quelli universali e perfetti per questo tipo di cucitura.

AGHI SCHMETZ PER MACCHINE DA CUCIRE PER TESSUTI STRETCH

AGHI SCHMETZ PER MACCHINE DA CUCIRE PER TESSUTI STRETCH

Un altro tipo di ago pensato per un uso specifico è quello creato per la cucitura della pelle. Solitamente ha questa dicitura sulla confezione (o in alternativa è denominato come “leather”). Sono aghi caratterizzati da punta triangolare, alta resistenza e precisione, pensati per penetrare nel pellame senza tuttavia rovinare in alcun modo la superficie da cucire.

L’ago perfetto: una regola semplice

Per scegliere l’ago da utilizzare su tutte le macchine da cucire vale comunque una regola molto semplice che può essere applicata ad ogni tipo di tessuto da cucire. Maggiore è lo spessore del tessuto e maggiore dovrà essere anche lo spessore dell’ago. Se tessuti come seta, chiffon o organza necessitano di aghi molto sottili, ne consegue che materiali più spessi come il jeans, il velluto specie se a coste o i pellami necessiteranno di aghi di spessore maggiore.

AGO GEMELLO SCHMETZ 6/100 PER MACCHINE DA CUCIRE

AGO GEMELLO SCHMETZ 6/100 PER MACCHINE DA CUCIRE

Di solito le indicazioni sulle confezioni degli aghi sono molto intuitive ed inequivocabili, ma in caso di dubbio è però sempre possibile fare riferimento al rivenditore o al sito web di fiducia per avere un consiglio ad hoc!

You may also like

Pin It on Pinterest

Share This
Come usare la Macchina per Cucire Gli aghi per le macchine da cucire: quali scegliere?